Un ritratto non è somiglianza. Dal momento in cui un’emozione o un fatto viene tradotto in fotografia cessa di essere tale e diventa un’opinione. L’inesattezza non esiste. Tutte le foto sono esatte. Nessuna di esse è verità.

Richard Avedon

Ryam Riehl

 

RYAM RIEHL

1. Se ho capito bene sei originario di Strasburgo, cosa o chi ti ha spinto a scegliere la città di Royan?

Sono nato a Strasburgo, ma sentivo il bisogno di avvicinarmi all’Oceano.

2. Sposato, figli, hobbies?

Separato, una figlia, Camille. Quanto agli hobbies, natura, surf, corsa, vela…

Camille…

3. Perchè la fotografia, quando hai cominciato? Hai degli aneddoti da raccontare?

La fotografia mi è arrivata come una evidenza, sia mio padre che mio fratello maggiore coltivavano la stessa passione.

La prima macchina mi è stata regalata da mio fratello, era completamente manuale, nemmeno a parlarne di avere un autofocus o l’opzione di un programma impostato “E’ meglio capire”.

Mi sono avvicinato alla fotografia quando ero ancora molto giovane, interessato sia all’aspetto tecnologico che alla composizione, e a ciò che un’immagine ha il potere di raccontare. Poi è stata una serie d’incontri, di uscite notturne, di bianco e nero etc…

Ryam: autoritratto

Un aneddoto…

Ho stampato le ultime foto, rimaste impresse nella pellicola, ancora dentro la macchina, che mio padre ha scattato poco prima di morire… è commovente…

4. Mi piacerebbe sapere cosa provi quando scatti le tue foto, cosa l’uomo e il fotografo cercano nella scelta di un soggetto.

Mi colpisce la vita, l’Altro…

Cerco di trattenere la fugacità dei momenti di felicità che a volte la vita ci offre, come una farfalla che si posa sul palmo della mia mano e che un soffio potrebbe far volare via. Sublimare i momenti e le persone; dei bambini su una spiaggia, una palestra, un tatami o un palcoscenico. Soprattutto dare piacere e far nascere un sorriso. Semplici giochi di luce ed ombra o un percorso, anche interiore, più profondo e complesso.

ryam portarit
Ryam Riehl

Spesso sinonimi di begli incontri,i miei saggi hanno come filo conduttore il rispetto per gli oggetti.Io li interpreto con le mie competenze tecniche, anche se diplomato, ho sempre l’impressione di essere un apprendista in marcia verso un orizzonte che arretra ad ogni mio passo in avanti… ma sono proprio i piccoli passi in avanti che contano, no??

Amo questa frase di Stanley Greene:

 

In photograpphy as in life, you have to give something back. You can’t just be a taker, you must be a giver.

 

Esposizione "Cosmopolita"
Esposizione “Cosmopolita”

… E’ una ricchezza ben più grande di una qualunque ricchezza naturale, si chiama l’Altro…

Esposizione "Cosmopolita"
Esposizione “Cosmopolita”

5. Mostraci deglinscatti che ti raccontano e perché.

Amo queste 2 foto!

PenDuik è un’imbarcazione mitica, il suo skipper, Eric Tabarly, è un gran marinaio e ho avuto la fortuna di fotografare questo veliero con Mme Tabarly a bordo, nell’occasione di un incarico per il Comune di Royan.

Pen Duick

Scivolare sull’Oceano… in equilibrio su un’onda di energia pura ed effimera, come molte cose nella vita… come l’Amore...

Surf…

Le immagini che seguono fanno parte della mia ultima esposizione “Passag(e)r”, uno studio sull’ Uomo e la Natura, i passeggeri del tempo… così fragili…

"Passag(e)r": tra immagini e parole
“Passag(e)r”: tra immagini e parole
"Passag(e)r": tra immagini e parole
“Passag(e)r”: tra immagini e parole
"Passag(e)r": tra immagini e parole
“Passag(e)r”: tra immagini e parole
"Passag(e)r": tra immagini e parole
“Passag(e)r”: tra immagini e parole

Ho preferito lasciare che fossero le parole di Ryam a parlare per lui, e che le sue immagini condividessero “un petit morceau de son coeur”…

Mi ha colpito la sensibilità di una persona, un amico, che non posso dire di conoscere da molto tempo, ma sono curiosa di continua a scoprire. I suoi lavori celano un animo intimista ma non timido, altruista e romantico. La sua capacità di raccontare il surf, che mi affascina particolarmente, conferisce magnetismo alle immagini, intime, anch’esse, malgrado la naturale forza del soggetto.

Fotografo Ryam Riehl
Fotografo Ryam Riehl
Fotografo Ryam Riehl

Grazie, Ryam, per la generosità con cui mi hai accolto!