48 ORE PER GODERE DI CALDE ATMOSFERE TRA I VICOLI DI PALERMO

Sicilia. Calde atmosfere tra i vicoli di Palermo. Una città da osservare, da godere, da vivere, da assorbire, da capire: questa, fra tutte, la cosa più difficile da fare.

Accoglie con esuberanza, un po’ verace, un po’ teatrale, ma l’interrogativo che costantemente m’insegue è “si svela davvero?“. Gioca a nascondino scegliendo angoli di ombra e, dopo pochi secondi, corre per le strade assolate e ti saluta, e ti abbraccia con la confidenza di chi ti conosce già. Sa giostrarsi serena in un caos rilassato ed è creativa, ammaliatrice, sporca e rumorosa, bella e fascinosamente decadente.

Ricca di bene e di male.
Ricca di sapori da gustare.
Ricca di arte, di letteratura, culture che si fondono.
Ricca di contesti e di storie incredibili dietro un qualunque vecchio portone scrostato.

Calde atmosfere tra i vicoli di Palermo
Calde atmosfere tra i vicoli di Palermo

Sono entrata in una bellissima libreria tra le stradine che si irradiano dalla famosa Antica Focacceria San Francesco, il cui proprietario ha avuto il coraggio di ribellarsi al pizzo e vive da anni sotto scorta, si chiama Easy Readers ed è la creatura di una signora di mezza età. Elegante, in armonia con l’ambiente piccolo ma luminoso, di poche parole e comodamente adagiata nel suo ovattato mondo di pagine di carta. La selezione di libri ha grande personalità e Palermo trova il modo di raccontarsi attraverso autori che possono ricordarla perché l’hanno vissuta, magari uscendo proprio da quei pesanti portoni scrostati come, un tempo, le loro ginocchia.

Libreria
Libreria

Questa è una città in cui i sapori e gli odori ti inseguono mentre cammini e lasci che la pienezza di decori, di volti, di voci e rumori ti investa quasi fino a stordirti. Eppure, quando si cominciano a sentire le gambe pesanti e il calore della bella stagione, che qui arriva presto, cuoce la pelle, ti accorgi di sorridere , perché quel caos rilassato ha un’atmosfera quasi familiare, sembra gioia allo stato puro, e forse lo è, o almeno è anche questo.

Calde atmosfere tra i vicoli di Palermo - Mercato Ballarò
Calde atmosfere tra i vicoli di Palermo – Mercato Ballarò

AL PALAZZO DI GIUSTIZIA

Il Palazzo di Giustizia nel centro della città gode di uno spazio pedonale, Piazza della Memoria, in ricordo dei giudici uccisi per aver dedicato la vita a contrastare quel cancro perennemente terminale che è Cosa Nostra. Ero al ginnasio quando ci furono gli attentati ai giudici Falcone e Borsellino. Ricordo un senso di nausea incontrollabile. E ho avuto l’onore di stingere la mano all’unico in vita del pool antimafia, il giudice Caponnetto, quando viveva sotto scorta nello stesso palazzo del mio amico e compagno di studi. Capitava che un allarme bomba ci costringesse a prendere a prendere i libri sottobraccio e scendere in strada evacuando rapidamente l’edificio. C’era un mondo di emozioni che si cazzottavano in quei minuti, eppure, che stranezza, la paura non era tra quelle.

Camminando per le strade di Palermo e guidando oltre la città ci si accorge che quel cancro serpeggia in silenzio, ma il calore della gente è entusiasmante e il senso radicato di orgogliosa appartenenza alla propria città, così unica, è contagioso.

Mi sembra che tutto sia dichiarato ad un volume più alto che altrove. A Palermo si odono grida e risa con un’intensità che arriva a toccare punte talmente profonde da non riuscire mai, in nessun modo possibile, a generare indifferenza. E il carosello di sensazioni fisiche in cui ci si imbatte, talvolta impreparati, è l’avvincente romanzo della storia.

A Palermo c’è tutto.

48 ORE IN CITTA’: DORMIRE, MANGIARE, CURIOSARE

Per trascorrere 48 ore in città lasciandoti un po’ di spazio per respirare l’atmosfera che si cela dietro gli angoli delle conosciute mete turistiche, questi sono i miei suggerimenti.

*BED AND BREAKFAST GUELIO AL MASSIMO
Un vecchio appartamento ristrutturato tra gusto creativo e tradizione. Accoglienza informale, vista sui tetti della città e la piazza del Teatro Massimo a pochi passi.

Guelio al Massimo B&B
Guelio al Massimo B&B

*MERCATO BALLARO’
Un tempo era la Vuccirìa, oggi è Ballarò il mercato dalle voci più vive, nel rione Albergheria, in un racconto di tradizioni e culture senza tempo.

Mercato Ballarò
Mercato Ballarò
Mercato Ballarò
Mercato Ballarò
Mercato Ballarò
Mercato Ballarò
Mercato Ballarò
Mercato Ballarò
Calde atmosfere tra i vicoli di Palermo - Mercato Ballarò
Calde atmosfere tra i vicoli di Palermo – Mercato Ballarò

*MUSEO DELLE MAIOLICHE STANZE AL GENIO
Una casa privata-museo nel quartiere della Kalsa con visite private su prenotazione.
Questi i contatti:

Stanze al Genio
Stanze al Genio
Stanze al Genio
Stanze al Genio

www.stanzealgenio.it
+039 3400971561

*CRIPTA DEI CAPPUCCINI
Non è per tutti!
Uno dei luoghi più impressionanti che esistano, probabilmente.
Usi, costumi e tradizioni della società palermitana tra il XVII e il XIX secolo nel cimitero del convento dei frati cappuccini.
Le salme, mummificate, sono esposte, appese alle pareti delle gallerie o sdraiate. Nel corso della storia ha attirato l’attenzione di scrittori, poeti e intellettuali come Alexandre Dumas, Guy de Maupassant, Carlo Levi.
Le foto sono vietate, ma se ti senti tanto furbo da violare il nudo riposo delle persone che sono sepolte evita almeno i selfy. QUI FANNO SCHIFO COME AD AUSCHWITZ.

*BISSO BISTROT
In via Maqueda all’altezza dei 4 Canti negli ex locali della libreria Dante. Tavoli comuni, ottima cucina siciliana rivisitata, buon vino e un’atmosfera informale, allegra, addirittura godereccia.

Calde atmosfere tra i vicoli di Palermo
Calde atmosfere tra i vicoli di Palermo

Le parole che hai appena letto sono solo un accenno di ciò che è Palermo, a te, ora, l’invito a trovarne molte altre.